Roberto Cociancich Sénateur, Avocat, Globetrotter

Home (Français)

Pratique privée

Via Cappuccio, 7

20123 Milano

Italia

SZA Studio Legale

Corso Italia, 13
20122 Milano
Italia

Arômes, mélanges, goût (donc la vie ...) Pourquoi un site Web

Home (Français)

La vie de chacun de nous est un extraordinaire mélange de rencontres, de découvertes, de projets, d’engagements, de chemins trouvés et d’autres perdus, de victoires et de défaites.

J’ai toujours essayé d’être curieux, d’être ouvert au changement, déterminé à atteindre des objectifs mais aussi à me laisser interpeller devant des personnes crédibles.

J’aime affronter la vie ouvertement mais je sais que nous ne sommes pas complètement maîtres de notre destin et qu’il est sage d’accepter que les jours et les saisons changent non seulement la couleur des cheveux mais aussi le goût avec lequel nous acceptons les défis.

Les pages de ce site tentent de rendre compte de ce mélange d’expériences qu’est ma vie, les arômes qui l’ont imprégné, le goût que j’ai essayé de définir grâce à eux.

Même si ces pages parlent de moi, elles veulent avant tout rendre hommage à tous ceux que j’ai rencontrés et qui ont accepté de partager une partie de leur parcours avec moi.

IMG_5191

Mes tasses de café ... ce qui me tient éveillé (et me donne l'énergie de vivre)

Home (Français)

Profession Avocat

Depuis plus de trente ans, j’exerce la profession d’avocat en droit des sociétés et droit commercial à profil international. J’accompagne des entreprises étrangères qui ont l’intention d’investir en Italie et des entrepreneurs italiens qui souhaitent développer leur activité à l’étranger. Pour en savoir plus, vous pouvez cliquer ci-dessus.
Je considère la politique comme l'une des activités les plus élevées et les plus nobles (une opportunité d'essayer de donner le meilleur de soi en faveur des autres) et, bien conscient que dans de nombreux cas elle a été l'une des plus abjectes, je m'engage à apporter ma contribution pour un monde plus juste. J'étais sénateur et maintenant je suis coordinateur d'Italia Viva à Milan.

Mon engagement politique

Je considère la politique comme l’une des activités les plus élevées et les plus nobles (une opportunité d’essayer de donner le meilleur de soi en faveur des autres) et, bien conscient que dans de nombreux cas elle a été l’une des plus abjectes, je m’engage à apporter ma contribution pour un monde plus juste. J’étais sénateur et maintenant je suis coordinateur d’Italia Viva à Milan.
Le Scoutisme a été pour moi un enseignant de vie, un lieu de rencontre avec des personnes qui ont forgé ma façon de voir et de considérer ma place dans le monde. M'engager dans l'éducation et les relations internationales a fait de moi une meilleure personne.

Ma vie de scout

Le Scoutisme a été pour moi un enseignant de vie, un lieu de rencontre avec des personnes qui ont forgé ma façon de voir et de considérer ma place dans le monde. M’engager dans l’éducation et les relations internationales a fait de moi une meilleure personne.
Home (Français)
L'expérience de marcher dans le désert à la manière de Goum, en laissant le superflu, la sécurité, le confort du quotidien, est pour moi l'occasion de vérifier ce qui compte vraiment, de redécouvrir les racines de l'enthousiasme que j'avais quand j'étais enfant, la profondeur d'une expérience spirituelle sans laquelle je sais que je suis perdu.

La grande aventure avec les Goums

L’expérience de marcher dans le désert à la manière de Goum, en laissant le superflu, la sécurité, le confort du quotidien, est pour moi l’occasion de vérifier ce qui compte vraiment, de redécouvrir les racines de l’enthousiasme que j’avais quand j’étais enfant, la profondeur d’une expérience spirituelle sans laquelle je sais que je suis perdu.
Voyager à travers le monde, traverser des collines, des montagnes, des océans, rencontrer les gens là où ils vivent, espèrent, luttent, souffrent, aiment ... Bien sûr. Mais aussi voyager grâce à des livres, des films, des chansons qui portent des messages de cultures lointaines, des voix essentielles sans lesquelles je sens que ma vie risque de s'appauvrir.

Les voyages

Voyager à travers le monde, traverser des collines, des montagnes, des océans, rencontrer les gens là où ils vivent, espèrent, luttent, souffrent, aiment … Bien sûr. Mais aussi voyager grâce à des livres, des films, des chansons qui portent des messages de cultures lointaines, des voix essentielles sans lesquelles je sens que ma vie risque de s’appauvrir.

The Mill - Les passions génèrent des idées

Avec quelques amis de qualité nous avons décidé de réunir dans une grande grange, ou plutôt un moulin (The Mill), les grains, les graines de nos passions, de nos expériences pour les faire tourner, se retrouver agités par l’énergie du vent de comparaison et faites-les fructifier et goûter comme du pain.
Home (Français)

Le café doit être chaud comme l’enfer, noir comme le diable, pur comme un ange et doux comme l’amour.

Charles-Maurice di Talleyrand-Périgord

Text content

Twitter

I miei ultimi post su Facebook

1 week ago

Succede anche questo in Italia: una farmacista che lavora 280 ore al mese per garantire ai cittadini le medicine di cui hanno bisogno e il Sindaco che prima la illude e poi le chiude la farmacia. Guardate bene questo video e ditemi cosa ne pensate. A me pare una follia 😱. Piccola domanda: ma adesso chi fornirà i vaccini alla popolazione di Fontevivo? ... See MoreSee Less
View on Facebook

1 week ago

Erdogan vergognoso ma Michel ? ... See MoreSee Less
View on Facebook

3 weeks ago

Con la rimozione dei Capigruppo Delrio e Marcucci, unitamente ai ringraziamenti di rito, mi pare si dovrebbe considerare definitivamente archiviata la stagione della polemica sullo “stai sereno Enrico”. Letta ha ribadito coi fatti il diritto del segretario di rimuovere chi occupa posizioni istituzionali a prescindere dalla bontà del lavoro fatto e le uniche differenze con quanto accadde nel 2014 è stata l’odierna rapidità dell’intervento non preceduta neppure da una deliberazione della direzione. Per cortesia nessuno mi venga a dire della questione femminile e degli standard europei perché come dimostra l’immediata conferma dell’ottimo Benifei capogruppo al Parlamento europeo è del tutto evidente che sono altre le valutazioni che pesano. Colgo l’occasione per augurare buon lavoro a Simona Malpezzi, un’amica che stimo e che farà sicuramente molto bene. ... See MoreSee Less
View on Facebook

4 weeks ago

Grande dispiacere e amarezza per la decisione di Eugenio Comincini di lasciare Italia Viva. Condivido poco o niente dei motivi che lo spingono a fare questa scelta ma Italia Viva non è una caserma, è fatta da persone libere e quindi gli auguro ogni bene e di trovare quella serenità del cuore e della coscienza di cui tutti abbiamo bisogno. Invito tutti gli iscritti a Italia Viva a non dire una sola parola cattiva su questa scelta che ci fa male ma che dobbiamo rispettare.Ho deciso di tornare nel PD. Un anno e mezzo fa aderii ad Italia Viva. Chi mi conosce sa che fu una scelta sofferta. Per diverse ragioni: per la mia storia politica, per il mio percorso, per il radicamento sul territorio, per i legami costruiti dentro una comunità che mi ha visto crescere nell’impegno politico ed istituzionale, per il constante confronto con i Sindaci e gli Amministratori ai quali sono rimasto legatissimo, per l’esperienza vissuta. Seguire Matteo Renzi mi sembrò il modo di rimanere coerente al percorso politico che avevo fatto; lasciare il PD per entrare in Italia Viva fu però una scelta dettata dalla convinzione che in quel momento si potesse e dovesse costruire, fuori dal PD, “una casa dei riformisti” in grado di allargare il campo del centrosinistra. In poco più di un anno – un lasso temporale apparentemente breve – a quella scelta sono seguiti noti avvenimenti che hanno stravolto completamente il quadro politico nazionale ed europeo. Sono stato eletto in un Parlamento a maggioranza (potenzialmente) sovranista e anti europeista, mi ritrovo oggi in quello stesso Parlamento che, con un largo consenso, vota la fiducia ad un Presidente del Consiglio il cui Governo risulta essere solidamente ancorato ai temi dell’europeismo e dell’atlantismo. In questo quadro anche Italia Viva ha fatto la sua parte. Sono noti il disagio ed il travaglio con il quale ho vissuto la crisi di governo. Ciò che qui rileva è il dato politico che da quella crisi è derivato: con la nascita del Governo Draghi tutti gli schieramenti e tutti i partiti stanno subendo cambiamenti. Nello schieramento dove mi sono sempre voluto collocare e riconoscere, il centrosinistra, Italia Viva oggi appare sospesa, non decisa su aspetti sui quali per me non può esserci confusione: affermare di essere alternativi ai populisti e ai sovranisti, in un quadro politico in profondo cambiamento, è una posizione a mio avviso debole. I campi politici, nonostante tutti i rimescolamenti, continuano ad essere due: il centrosinistra, imperniato sul PD, e il centrodestra, imperniato sulla Lega. Non c’è una terza via: io oggi non vedo le condizioni perché possa nascere un soggetto centrista liberaldemocratico. Dirsi alternativi ai populisti e ai sovranisti rischia di generare isolamento o rischia di porsi selettivamente in entrambi i campi a seconda delle competizioni elettorali. Un’opzione che si scosta dall’ambizione iniziale di IV e che non mi interessa percorrere, poiché mi colloco convintamente nel centrosinistra.Ho quindi chiesto di rientrare nel PD: da persona libera e con rispetto, consapevole che il mio rientro non muterà le sorti della politica nazionale, ma desideroso di contribuire a dar forza alle istanze riformiste, in un contenitore politico che riconosco ancora forte di una organizzazione e di comunità attive sui territori. Vengo da Milano, dalla Martesana: ho la fortuna di aver condiviso a lungo cammini e sfide con una comunità attiva e presente, che conta molti bravi Sindaci ed Amministratori, che ha saputo generare frutti ed esperienze positive, modelli esportabili. Una comunità che è rimasta praticamente tutta nel PD, e della quale ho nostalgia. Ritorno nel PD senza etichette, con le mie idee e le mie convinzioni, ritorno nel partito che mi ha eletto e con il quale non ho mai smesso di collaborare, in modo rispettoso, in Parlamento come sui territori. Quella che qualche giornalista chiama “transumanza” per me è libertà di assumere scelte difficili in un quadro politico che definire mutevole sarebbe riduttivo. Il tema dei cambi di casacca giustamente posto da Enrico Letta (sul quale pure io mi sono a lungo interrogato) va affrontato alla radice: riconnetendo realmente gli eletti con la scelta degli elettori. Torno in pace, senza essere “cavallo di Troia” di nessuno, disponibile al confronto sulle idee, volendo davvero che si dismetta la pesatura delle genealogie politiche anziché dar peso alle strategie. Nella mia esperienza politica, di Sindaco prima e di Senatore ora, ho avuto spesso la fortuna di confrontarmi con giovani, appassionati di politica: non ti fanno mai “l’esame del sangue” per sapere da quale corrente o tradizione provieni, ma essendo nativi democratici ti chiedono come la pensi sul lavoro, sull’ambiente, sulla cultura, sulla scuola, sulle tasse, sugli investimenti, sulle istituzioni. Ti chiedono come vedi il futuro dell’Italia e del mondo. Così dovrebbe essere per tutti. E su questo costruire una nuova speranza.Negli ultimi due giorni, anticipazioni giornalistiche hanno dato la notizia del mio ritorno al PD, condendola con affermazioni e allusioni che non mi piacciono e sono prive di fondamento. Un anno e mezzo fa non avevo chiesto garanzie né ho avuto nulla in cambio per la mia scelta. Come è naturale e giusto che sia, non le ho certo chieste ora che torno sui miei passi. Non è nel mio stile. Se peraltro avessi voluto ottenere qualcosa in cambio, avrei fatto questa scelta quando, durante la crisi di governo, la transumanza (quella vera) mi riconosceva un peso politico e numerico infinitamente maggiore di quello che ho in questo momento. Non l’ho fatto. Ho aspettato che si chiudesse la crisi, che il Paese avesse un Governo nel pieno delle sue funzioni: ho maturato la mia riflessione con calma e confrontandomi con più persone, di IV, del PD, amici, esterni alla politica. C’è stato chi mi ha detto che non avevo mai tagliato il cordone ombelicale con il PD e chi che la funzione politica di IV era terminata, chi mi ha detto di attendere la fine dei terremoti politici in corso e chi che la natura distruttiva del PD verso i suoi leader colpirà ancora, chi mi ha parlato di paure e chi di speranze. Ho ascoltato tutti. E ho deciso.Con questo spirito ho chiesto di rimettermi in cammino con la comunità che mi ha eletto e che vive – anch’essa – una fase di forte cambiamento. Ho trovato nel discorso di Enrico Letta all’Assemblea nazionale del PD molti punti di grande interesse, intorno ai quali costruire una nuova strategia per il centrosinistra. Non solo per l’affermazione della necessità di “un nuovo PD”, per le proposte avanzate, per i temi toccati, per l’attenzione che ha avuto verso i territori, i Sindaci e gli amministratori, ma anche per la linea politica tracciata, per l’approccio non rinunciatario alla prossima sfida elettorale, che dovrà vedere il PD come il perno riformista di un centrosinistra da ricostruire e rendere attrattivo, soprattutto per la Lombardia (che necessita di una nuova guida) e il nord, per quel tessuto produttivo che un grande partito deve avere l’ambizione di rappresentare. Questa settimana ho quindi chiesto di rientrare nel PD motivandone la ragioni alla segreteria nazionale di Enrico Letta, al capigruppo Marcucci, ai segretari lombardo Vinicio Peluffo e metropolitano milanese Silvia Roggiani. Li ringrazio per l’accoglienza: non era affatto scontata dopo la mia scelta di un anno e mezzo fa. Nelle prossime ore formalizzerò la mia decisione alla Presidente del Senato Casellati. E quindi riprenderò l’attività con il colleghi Senatori con i quali avevo iniziato la legislatura. Ringrazio qui, dopo averlo fatto personalmente con ognuno di loro, i compagni di viaggio di Italia Viva: Matteo Renzi (con il quale dal 2010 ho condiviso molto del mio percorso politico fuori Cernusco), il capogruppo Davide Faraone, i coordinatori nazionali Ettore Rosato e Teresa Bellanova, la Ministra Elena Bonetti, il Sottosegretario Scalfarotto, insieme a tutti i colleghi e agli amici sui territori, in particolare quelli milanesi. Dirsi grazie e ciao senza rancore è stato per me importante.Ci sarà certo modo (e tempi e luoghi diversi) per approfondire e rispondere a domande e a critiche su questa mia scelta. Ora però, dopo un lungo travaglio, sento forte il desiderio di mettere tutte le mie energie sulla difficile situazione che viviamo, occupandomi di quanti – troppi – rischiano di perdere il proprio lavoro, della necessità di sostenere i nostri ceti produttivi, di ragionare di sviluppo ed economia sostenibile, della scuola e del futuro dei nostri figli, delle conseguenze derivanti dai profondi cambiamenti che vivranno le nostre città e la nostra società. E lo farò con il Partito Democratico. ... See MoreSee Less
View on Facebook
Home (Français)

 

When men share bread

they share their friendship.

Jean Cardonnel

 

Roberto Cociancich Sénateur, Avocat, Globetrotter

Home (Français)

Abel et Caïn se sont rencontrés après la mort d’Abel. Ils marchèrent dans le désert et se reconnurent de loin, car ils étaient tous les deux très grands.

Les frères se sont assis par terre, ont fait du feu et ont mangé. Ils se taisaient, comme le font les gens fatigués quand la journée s’abaisse.

Quelques étoiles sont apparues dans le ciel, qui n’avait pas encore reçu son nom.

À la lumière des flammes, Caïn remarqua la marque de la pierre sur le front d’Abel et, laissant tomber le pain qu’il s’apprêtait à porter à sa bouche, demanda que son crime lui soit pardonné.

Abel a répondu: “M’as-tu tué ou est-ce que je t’ai tué? Je ne me souviens plus: nous sommes ici ensemble comme avant.”

“Maintenant je sais que tu m’as vraiment pardonné” dit Caïn “parce qu’oublier c’est pardonner. Moi aussi j’essaierai d’oublier.”

Abel dit lentement:

“C’est vrai. Tant que le remords dure, la culpabilité dure.”

Jorge Luis Borges

Home (Français)