Di confini non ne ho mai visto uno

Ma ho sentito che esistono

nella mente di alcune persone.


(Thor Heyerdahl)

Contatto

Sarò ben felice di ricevere commenti, idee, proposte, critiche e cercherò di rispondere tempestivamente a tutti coloro che vorranno scrivermi. Cerco un dialogo rispettoso, fertile di nuove consapevolezze,  non mi interessa partecipare ad una bagarre di insulti e volgarità. 

Scrivimi una e-mail

se hai dei commenti o delle proposte  o delle critiche scrivimi al seguente indirizzo:

roberto.cociancich@senato.it

 

Seguimi

questi sono i link ai miei social media

img_5223

chi sono

info a questa pagina: su di me

Scrivimi una lettera

Se vuoi scrivermi una lettera indirizzala  a:

Roberto Cociancich
Palazzo Madama
Piazza Rinascimento
00186 Roma

 

Altri recapiti e indirizzi

sono reperibili a questa pagina: Contatti

7d3068ac9367b2f0dbbd3949eb6189e8

Newsletter

Per chi  fosse interessato a ricevere periodicamente informazioni sulla mia attività. 

Newsletter

little-boy-writing-a-letter-1920

Roberto Cociancich ha condiviso il post di Partito Democratico. ... See MoreSee Less

A chi dice che in questi anni non si è fatto abbastanza sul fronte dei diritti, noi rispondiamo così. Con le leggi, con i fatti. Con cose che cinque anni fa non esistevano e in alcuni casi sembrav...

View on Facebook

Ho aderito al Manifesto #cambiostile, contro l'uso delle #paroleostili sulle rete. Il linguaggio è importante e conserva il proprio significato sia in rete che fuori da essa, per ricordare a noi stessi quanto le parole siano più utili per proporre piuttosto che per formulare insulti.
Chi volesse sottoscrivere il Manifesto, può farlo seguendo le indicazioni di questo link: www.paroleostili.com/cambiostile/
... See MoreSee Less

View on Facebook

Domani #15dicembre avrò l’onore di partecipare al Seminario Internazionale su "Debito e disuguaglianze", che si svolgerà a partire dalle ore 16:00 presso la Biblioteca centrale del Consiglio Nazionale delle ricerche (CNR), sito in Piazzale Aldo Moro, 7 in Roma. ... See MoreSee Less

View on Facebook

Oggi ricordiamo la strage di Piazza Fontana posando un fiore di libertà in ogni luogo in cui forte ancora si sente il bisogno di difendere quella libertà.

Di quel giorno, di quel che accadde, di Piazza Fontana, non dovremmo dimenticarci mai. Qualcuno l’ha definita “madre di tutte le stragi” perché arrivò all’improvviso e fu solo la prima di molte altre. C’era paura ed io, bambino, la ricordo. Fu il momento in cui allo Stato fu chiesto di assumersi la responsabilità di dare risposte, di dare sicurezza, di condannare la violenza ma soprattutto di fermarla.

La guerra era un ricordo lontano, ma il fragore delle bombe ancora no. Si guardava al futuro, l’Italia stava nascendo ancora una volta dalle sue ceneri e lo faceva con l’ottimismo dei suoi cittadini. Una bomba avrebbe quel giorno spezzato l’idillio di molti e proiettato nel passato molti altri. Quale futuro ci sarebbe Stato? Sono passati 48 anni da Piazza Fontana, da Piazza Venezia, da Via Veneto, dall’Altare della Patria, da Piazza della Scala. Sembra un tempo lontano eppure echi di quel movimentismo fascista ancora aleggiano nel nostro presente.

La Politica è il mezzo con cui le persone esprimono la dignità dei propri pensieri: quale dignità politica c’è dietro la violenza ed il suo uso come fine per la politica? Questa è una domanda che nessuno di noi avrebbe pi voluto porsi dopo gli anni di piombo. Eppure, ancora oggi la nostra memoria deve essere viva e faro per il presente, perché quel passato non torni.

Alcuni giorni fa, davanti alla sede di Repubblica a Roma, è esploso un ordigno subito rivendicato da una formazione di estrema destra. Irruzioni e intimidazioni da parte di questi militanti verso chi la pensa in modo diverso da loro sono stati negli ultimi preoccupazione di molti e indifferenza di alcuni. Nell’indifferenza e nella giustificazione, però, si abdica alla democrazia.

Nel tempo in cui ci chiediamo ancora se destra e sinistra abbiamo ragione di essere, devo ammettere che la risposta non può essere che positiva. Il riformismo politico, l’europeismo, l’uguaglianza, ogni valore contenuto nella nostra Carta Costituzionale deve essere ribadito con maggiore forza e determinazione perché il nostro Paese non ceda alle tentazioni della violenza come risposta e del populismo come alternativa alla democrazia.

www.robertocociancich.it/milano-piazza-fontana/
... See MoreSee Less

View on Facebook